Mary Reloaded. La grazia amazzone di Daly

Mary Daly ci offre un cocktail di saggezze dimenticate e risvegliate, che possiamo leggere in italiano grazie alla traduzione di Giusi Di Crescenzo. (Tratto da Amazon Grace: Re-Calling the Courage to Sin big, 2006)

Capitolo 2

Al di là della fine della Speranza: la trivialità straordinaria

Cosa succederebbe se provassimo a pensare/parlare in modi extra-ordinari? Secondo il Webster’s Second New Intergalactic Wickedary of the English Language (un testo scritto nell’immaginazione e non ancora incarnato nella forma di un libro) la parola Extra-ordinary significa “assolutamente ordinario, ordinario in maniera Super-naturale, luogo comune. Esempio: Trivia”.
Il primo Wickedary (1987) spiega che Trivia deriva dal latino trivium che significa “crocevia”. Trivia è definito come segue:

Nome della Dea Tripla, che normalmente si incontra ai crocicchi; Nome che indica il carattere ordinario degli incontri con la Dea; Nome che solleva i Perché Antiorario, contrastando la classica inversione/supposizione patriarcale e gerarchica secondo cui la sacralità e il grande valore implicano scarsezza e segretezza, cioè “mistero”.

A questa definizione segue una nota importante:

La figura classica di Ecate, Dea delle streghe, era sovente costruita su un triangolo, le cui facce erano girate in tre direzioni. Le statue di Ecate erano posizionate agli incroci di tre strade; da qui il nome Trivia. Per tutto il Medioevo e ancora oggi, gli incroci, soprattutto i luoghi dove tre strade convergono, erano e sono riconosciuti come luoghi di visioni e avvenimenti Naturali.

Questa idea fu lanciata per la prima volta dalle editrici della rivista Femminista Radicale intitolata Trivia. Una rivista d’idee:

TRIVIA … descrive la matrice del nostro potere creativo, i raduni di donne sagge nelle quali le nostre idee hanno origine e continuano a vivere … Nella nostra concezione, TRIVIA è il luogo dove le nostre amicizie e le nostre idee assumono il loro potere e significato originali.

In queste circostanze Triviali può succedere qualcosa di Extra-ordinario.

Attraversando i colori e le cromie interiori gli approdi e le rinascite.

Morti propiziatorie senza spargimenti di sangue

Lune Crone, Serpenti e modalità Serpentine.

Madri-Figlie e Anime.

Spiral Red Earth

Spiral Red Earth: Serpe, Triplice/Tredici (tecnica: mista su cartoncino telato, anno 2020)

La Speranza che può nascere è la Speranza che si Realizza, cioè la speranza che ispira ciascuna di noi a Realizzarsi, ossia a “dare realtà … portare a esistenza concreta; COMPIERE … portare dalla potenzialità alla datità; ATTUALIZZARE … concepire vivamente come reale; essere pienamente consapevoli di”. Queste definizioni hanno l’approvazione del Sigillo Intergalattico di conformità Websters.
Nonostante l’impensabile inferno che i tecnomaniaci tentano di costruire e diffondere, le Donne Selvagge della Speranza possono realizzare la nostra Reale Presenza, cioè, “la Partecipazione Elementale Femminile nei Poteri dell’Essere-in-divenire, che implica la Realizzazione nel Presente dei nostri Sé passati e futuri. E’ anche possibile che noi riusciamo a Realizzare nel Presente Altre realtà Elementali del Passato e del Futuro.
Non ci sono modi ordinari/dell’avanscena per pensare e parlare di questa interconnessione. Tuttavia ci sono modi Extra-ordinari di Pensare e Parlare di ciò. Secondo il Wickedary, Pensare significa:

Ri-membrare il Sé Originale; Ri-chiamare le Domande Originali; pensare i modi più profondi della Selvatichezza, del Retroscena.

Parlare significa:

  1. Auspicare, prevedere, Parlare di ciò che sarà 2. Condurre a un cambiamento psichico e/o materiale per mezzo delle parole; parlare nell’essere in divenire.

Queste parole Nominano l’interconnessione che esiste tra la Coscienza Trans-temporale/Trans-spaziale, la Comunicazione, la Sorellanza, Le Conversazioni, le Sincronicità, i Viaggi. Indicano cioè la partecipazione attiva all’Armonia dell’Universo.
Le Donne che sono abbastanza Selvagge da saper reggere il confronto con il Niente dei tecnomaniaci incapaci-di-amare e da Realizzare la nostra Speranza in noi Stesse, non sentiranno come del tutto non-familiare l’interconnessione dell’universo quantico. Né ci sentiamo estraniate dal pensiero che, invece di essere vuoto, lo spazio è pieno di connessioni invisibili. Di fatto, questa è la nostra comune esperienza e rende possibile la fiducia nel valore dei nostri lavori e delle nostre azioni particolari, che producono effetti ad ampio raggio.
L’esperienza delle connessioni invisibili che hanno le Donne Selvagge ispira anche un’Audacia Fantastica e una crescente Fiducia-in-se-stesse. Come Viaggiatrici e Tessitrici di un universo partecipativo, noi avremo sempre più fiducia nel nostro giudizio, anche quando le nostre ragioni non sono evidenti agli altri. Questo succederà specialmente quando impareremo a sentire la presenza di campi-strutture spaziali che esercitano influenze visibili e tangibili sebbene siano invisibili, intangibili, senza suono, senza gusto e senza odore.
La teoria sui campi morfogenetici di Rupert Sheldrake può essere di aiuto alle Parche Indagatrici che cercano la possibilità dell’emergere di Nuove Forme in tempi disperati di decadenza/dissipazione, come questo inizio del ventunesimo secolo. I campi morfogenetici si costruiscono attraverso l’accumulo dei comportamenti dei membri di una specie. Dopo che parte di una specie ha imparato un comportamento, per esempio andare in bicicletta, altri troveranno più facile imparare la stessa cosa.
Sheldrake ipotizza che questi campi siano “formati e stabilizzati da risonanze morfiche generate da precedenti unità morfiche simili, a loro volta sotto l’influenza di campi dello stesso tipo. Di conseguenza, contengono una memoria cumulativa e tendono a diventare sempre più abituali”. E definisce la risonanza morfica come segue: “L’influenza di strutture di attività precedenti organizzate da campi morfici. Attraverso le risonanze morfiche, le influenze causali formative passano sia attraverso lo spazio che il tempo, e queste influenze si ritiene che non decadano con la distanza nello spazio o nel tempo, ma vengono soltanto dal passato”.

Perché le Donne Selvagge possono ridere davanti  al Riflusso.

Sono giustificate le Lacrime delle Donne Selvagge, che imprecano di Rabbia e si Muovono contro le violenze e le campagne occulte per farci fuori. Ma noi siamo capaci di Riderne grazie alla nostra Speranza di Realizzazione. Sto qui suggerendo che questa Speranza è radicata nella nostra storia e nella certezza intuitiva che il potere di quella storia possa influenzare il Presente, passando per e attraverso lo spazio e il tempo. Possiamo osare ipotizzare che attraverso la risonanza morfica, influenze causali formative proprie della nostra storia siano con noi Ora. Esse contengono una sorta di Memoria Cumulativa e tendono a diventare abituali in misura sempre maggiore. I campi e le forme del nostro Passato Arcaico sono Qui Ora.
Queste forme risiedono nel campo morfogenetico. Sappiamo che quando l’energia individuale si combina con queste forme, esse modellano i comportamenti senza bisogno di un lungo apprendimento di quella abilità o abitudine. Non soltanto andare in bicicletta ma anche capacità/abitudini come scrivere, organizzare, comporre musica e praticare il karatè, e virtù come il Coraggio Creativo si sviluppano combinando l’energia individuale con le forme nel campo morfogenetico. In questo modo i Poteri Femministi Elementali Radicali crescono e si espandono. Realizzare questi Poteri è il lavoro della Sesta Dimensione ed essa procede con Balzi e Salti.

Con sobbalzo e strisciando, fluendo e tornando.

Come Pietra e Serpente, come Piuma e Spirale osservando e Trasformando 

Spiral Red Earth

Spiral Red Earth: Spirali Moto Crona (tecnica: mista su cartoncino telato, anno 2020)

Secondo la teoria dei quanti, quando un elettrone salta da un’orbita atomica ad un’altra, un intero “sistema” crea le condizioni che conducono a quel salto improvviso. Le Donne Selvagge possono capire che il “sistema” che conduce ai nostri salti apparentemente improvvisi è molto più ampio del sistema patriarcale. E’ l’Universo, a cui partecipiamo Realizzando ciò che siamo, che usa e incorpora perfino gli atti oppressivi del patriarcato per promuovere la creazione del Fattore X.
Conoscere questo contesto mette le Donne Selvagge della condizione di capire il Riflusso. I boss del club dei bulli sono terrorizzati dalla nostra Energia Femminile (Ginergia) e della sua potenza di combinarsi con le Forme provenienti dal nostro Passato Arcaico, che noi possiamo Ri-membrare. Le Nostre Memorie Cumulative sono sempre a nostra disposizione e, a dispetto di ogni sforzo di s-membrarci, il nostro desiderio/determinazione e capacità di Rimembrare cresce. Naturalmente/innaturalmente i bulli non capiscono questo Selvaggio potere Femminile ma hanno la capacità dei codardi di sentire il pericolo e di passare istintivamente al contrattacco. Questa astuzia codarda li incita ad usare qualunque mezzo per frustrare le Femmine forti. E quasi senza pensarci, piazzano ostacoli innumerevoli sulla strada delle Donne Incontrollabili. Tuttavia, sempre e ovunque le Graziose Amazzoni perseverino, c’è la Speranza che riusciremo a combinare le nostre energie con le Forme/Idee dei campi morfici, la cui risonanza riusciamo a Sentire così profondamente. Questo è il motivo per cui hanno cercato di uccidere le nostre Memorie e Speranze, prendendo come bersaglio i nostri libri, le nostre librerie, le nostre editrici, le nostre classi per sole donne, i nostri corsi e convegni Radicali Femministi, i nostri centri per la salute delle donne, i ristoranti e tutti gli altri Spazi delle Donne. Ma dal momento che le Donne Selvagge hanno sgamato gli stratagemmi di tali imbroglioni e sono riuscite a capire che sono motivati dalla loro ontologica impotenza, noi possiamo farci beffe di loro e rinforzare il processo di combinare la Ginergia con le Forme Arcaiche e, finalmente, Volare.
Uno dei trampolini più efficaci per Volare è Ridere, azione che nel Wickedary è così descritta:

espressione di umorismo Elementale, che trasporta chi ride vigorosamente nel Retroscena; il Ridere ontologico; fare le Stupide insieme; il Ridere che incrina la pseudo-realtà costruita dall’uomo; il Ridere che infrange il Terribile Tabù, Toccando lo spirito delle donne, alleggerendo l’aura, risvegliando la Speranza.

“Fare le Stupide insieme” è cruciale. La parola “stupida”, in inglese silly, deriva dall’antico inglese sely o silly. Nel suo senso Stregato significa “Felice, Benedetto, pieno di Grazia”, quando riferito soprattutto al cicalare dei gruppi di oche e di Pettegole. La Stupidità delle Donne Selvagge è una manifestazione del tessuto connettivo invisibile. E’ il segno di riconoscimento delle une con le altre che ci rende consapevoli che non siamo sole nel nostro Vedere, Sapere, Sentire ciò che sta dietro la scena. E’ l’eruzione dell’Altro Lato nella coscienza dell’Amazzone. E’ il segnale che siamo più grandi del Riflusso. Che noi Naturalmente “Pecchiamo alla Grande”. Le Donne che Ridono mandano in mille pezzi i limiti e i confini del mondo dell’avanscena. Invece di sentirci come particelle isolate disperse nella solitudine dello spazio, Zitelle e Tessitrici ci troviamo a spiraleggiare nello Spazio vibrante che è pieno di connessioni cosmiche che ci chiedono urlando di Realizzarci Adesso. E questo mi conduce al soggetto del prossimo capitolo – La Dea Verbo, che è Vista/Non-vista come la Causa Nascosta, cioè la Causa Ultima, che causa per attrazione, che ci indica di agire.

>

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...